Salute: consultazione pubblica sulla sanità mobile

Il 10 aprile 2014 la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica sulla sanità mobile (mHealth) per raccogliere idee e proposte per sfruttarne al meglio il potenziale. La consultazione è aperta fino al 3 luglio 2014.

 
La mHealth è un settore emergente e promettente della eHealth (sanità elettronica), che consente di migliorare prodotti, servizi e processi sanitari attraverso l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Essa consiste nell'uso di applicazioni installate su telefoni cellulari, tablet, dispositivi per il monitoraggio dei pazienti e altri apparecchi wireless al fine di migliorare la salute e il benessere delle persone.
 
Ne sono esempi le app che misurano parametri vitali come la pressione del sangue, o quelle che aiutano a somministrare la giusta dose di insulina a un diabetico attraverso la trasmissione di segnali di controllo alla pompa, o le app che ricordano ai pazienti di assumere un farmaco.
 
La sanità mobile offre diversi vantaggi:

  • consente il monitoraggio da parte del paziente e quindi maggiore autonomia e migliore prevenzione dei problemi di salute;
  • contribuisce al raggiungimento di una maggiore efficienza del sistema sanitario con risparmi potenzialmente considerevoli;
  • offre opportunità per i servizi innovativi, le start-up e il promettente comparto delle app.

Rimangono tuttavia aperte diverse questioni da affrontare. Per questo motivo la Commissione europea invita a partecipare alla consultazione le associazioni di consumatori e di pazienti, gli operatori sanitari, gli ospedali e altre strutture sanitarie, le autorità pubbliche, gli sviluppatori di app, i fornitori di servizi di telecomunicazione, i produttori di dispositivi mobili, singoli individui e tutte le parti interessate. La consultazione è aperta fino al 3 luglio 2014.
 
Contestualmente al lancio della consultazione la Commissione ha presentato il Libro verde sulla sanità mobile ed un Documento di lavoro dei servizi della Commissione sul vigente quadro normativo dell’UE in materia di app per il benessere e lo stile di vita.
 
Per approfondimenti: Commissione europea