Monitoraggio e tutoraggio attraverso lo sport dei giovani a rischio di radicalizzazione. Pubblicato l'invito a presentare proposte

Scade il 23 luglio 2019 il termine ultimo per la presentazione delle domande nell'ambito dell'invito a presentare proposte "Monitoraggio e tutoraggio attraverso lo sport dei giovani a rischio di radicalizzazione" pubblicato dalla Commissione europea.

La presente azione mira a sostenere i progetti connessi allo sport realizzati da organizzazioni e federazioni sportive che collaborano con le autorità pubbliche (compresi i comuni), gli attori locali e la società civile. L'azione si concentrerà sulla prevenzione della radicalizzazione, in particolare aiutando i giovani a rischio di esclusione e di radicalizzazione a integrarsi meglio nella società in cui vivono. Essa si concentrerà sulla pratica dello sport e dell'attività fisica come strumento per promuovere un migliore inserimento in un gruppo o nella società in generale. Sarà prestata particolare attenzione alle zone con problemi sociali e si terrà conto della dimensione della parità di genere.

Quest'azione preparatoria coinvolgerà organizzazioni e/o federazioni sportive che offriranno, in collaborazione con le autorità locali e le organizzazioni impegnate nella lotta contro la radicalizzazione, vari strumenti, attività appropriate e un tutoraggio per prevenire i processi di radicalizzazione. 

I progetti proposti devono essere realizzati da organizzazioni sportive, in particolare da

organizzazioni ombrello, come le federazioni sportive europee. Essi devono coinvolgere membri locali, regionali o nazionali di tali organizzazioni sportive. Saranno selezionati circa 7 progetti.

Per essere ammissibili, i progetti devono essere presentati da richiedenti che soddisfano i

seguenti criteri: 

  • essere un'organizzazione pubblica o privata dotata di personalità giuridica che opera principalmente nel settore dello sport e organizza regolarmente competizioni e attività sportive;
  • avere registrato la propria sede sociale in uno degli Stati membri dell'UE.

Le persone fisiche non sono ammesse a chiedere una sovvenzione nell'ambito del presente invito.

Le attività proposte devono essere svolte in almeno cinque diversi Stati membri dell'UE.

Elenco non esaustivo delle principali attività ammissibili nell'ambito del presente invito a

presentare proposte :

  • Realizzazione di attività sportive e fisiche per le persone a rischio di radicalizzazione
  • Progettazione e sviluppo di reti a livello dell'UE tra le organizzazioni impegnate nella prevenzione, attraverso lo sport, dell'emarginazione e della radicalizzazione
  • Organizzazione di workshop, seminari e conferenze volti a divulgare informazioni, competenze e opportunità di collaborazione in materia di prevenzione dell'emarginazione e della radicalizzazione attraverso lo sport
  • Sviluppo, individuazione, promozione e scambio di buone pratiche e attività a livello dell'UE in materia di monitoraggio e tutoraggio, attraverso lo sport, delle persone a rischio di radicalizzazione.

Le attività devono svolgersi negli Stati membri dell'UE. Il progetto avrà una durata minima di 24 mesi e una durata massima di 36 mesi.

La dotazione di bilancio complessiva stanziata per il cofinanziamento dei progetti nell'ambito del presente invito a presentare proposte è stimata in 1.900.000 euro

La sovvenzione UE è limitata a un tasso di cofinanziamento massimo dell'80 % dei costi

ammissibili.

L'importo minimo delle sovvenzioni sarà pari a 150.000 euro per progetto. L'importo massimo delle sovvenzioni sarà pari a 350.000 euro per progetto.

L'identificativo del presente invito é: EAC/S19/2019.

Tag: 
Data : 
7 Giugno, 2019
Data fine: 
23 Luglio, 2019