ESCALAR: la nuova strategia di investimento della Commissione europea per sostenere la crescita e l'espansione delle imprese ad alto potenziale in Europa

La Commissione europea ha lanciato, l'8 aprile 2020, una nuova strategia di investimento sviluppata in collaborazione con il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) dal nome "ESCALAR".

Con il lancio di ESCALAR la Commissione sta realizzando una delle azioni annunciate nella nuova strategia per le PMI (https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/fs_20_426) per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti. Essa sostiene le imprese innovative durante e dopo la crisi coronavirus, garantendo che l'Europa possa promuovere e continuare a guidare lo sviluppo tecnologico a livello mondiale nonché accelerare la sua ripresa economica.

 

La strategia sostiene il capitale di rischio e il finanziamento della crescita per le imprese promettenti, consentendo loro di svilupparsi in Europa e contribuire a rafforzare la sovranità economica e tecnologica dell'UE. Sono previsti fino a 300 milioni di euro, con l'obiettivo di aumentare la capacità di investimento del capitale di rischio e dei fondi di private equity, promuovendo investimenti fino a 1,2 miliardi di euro, ossia 4 volte l'investimento iniziale, per sostenere le imprese promettenti.

 

L'obiettivo dell'iniziativa ESCALAR è aiutare i fondi ad ottenere le sottoscrizioni necessarie impegnando fino al 50% dell'entità del fondo. È destinata sia a nuovi fondi per il finanziamento delle scale-up, sia a quelli esistenti che intendono sostenere le imprese ad alto potenziale del loro portafoglio per sviluppare ulteriormente la loro crescita.

L'attuale invito a partecipare al programma ESCALAR costituisce una fase pilota per il 2020: l'obiettivo è che ESCALAR, sulla base di questa esperienza pilota, diventi uno strumento finanziario europeo convenzionale, alla stregua degli strumenti finanziari esistenti dopo il 2020 nell'ambito del prossimo quadro pluriennale (2021-2027). Il FEI si occupa dell'analisi e della selezione dei fondi.

Ulteriori approfondimenti sono disponibili al seguente link.