Al via la nuova patente di guida europea

Dal 19 gennaio 2013 la nuova patente di guida europea garantirà ai conducenti dell’UE una una maggiore sicurezza e libertà di movimento

Il 19 gennaio 2013 è entrata in vigore la terza direttiva UE sulla patente di guida. A partire dall’entrata in vigore della nuova legislazione, per limitare il numero di differenti modelli di patenti in circolazione e proteggerli meglio dalle frodi, sarà eliminato il modello cartaceo di patente. L’unico modello europeo di patente di guida rilasciato sarà quello in plastica del tipo “carta di credito”, già utilizzato in numerosi paesi europei, che garantisce una protezione maggiore dalle contraffazioni. Le attuali patenti in formato cartaceo cesseranno di essere rilasciate e saranno sostituite con una patente di nuovo formato al momento del rinnovo, o comunque entro il 2033.

Poiché la patente di guida non solo dà accesso a tutti i tipi di veicoli in molti paesi dell’Unione europea ma può essere utilizzata anche come documento di identità, la protezione antifrode costituisce uno degli aspetti più sensibili. La Commissione europea afferma che la nuova patente di guida è quasi impossibile da falsificare. Si appoggia a un sistema elettronico europeo di scambio di dati che faciliterà la gestione delle patenti di guida da parte delle amministrazioni e contribuirà a meglio individuare eventuali frodi.

Le nuove norme sono state inoltre studiate per avere un grande impatto sulla sicurezza stradale. Le modifiche più significative riguardano i motocicli: con l’accesso graduale ai motocicli per i giovani conducenti si intende proteggere maggiormente questo gruppo vulnerabile di utenti della strada.
La nuova norma sul rinnovo obbligatorio e periodico della patente di guida rimuove gli ultimi residui ostacoli alla libera circolazione dei conducenti. Il principio fondamentale consiste nel fatto che tutte le patenti di guida rilasciate a partire dalla data di applicazione della nuova direttiva avranno la validità riportata sulla patente di guida stessa. Prima della scadenza il titolare dovrà rinnovare la patente di guida nel paese dove risiede normalmente. A partire da tale data lo Stato membro di residenza applicherà il nuovo periodo di validità e avrà la facoltà di imporre una visita medica se essa è prevista per i suoi cittadini. Queste disposizioni, in conclusione, garantiranno la necessaria certezza giuridica ai titolari di patente di guida.

Per approfondimenti: EUROPA - Rapid