Agenda digitale europea. La Commissione rafforza le difese europee contro gli attacchi informatici

La Commissione europea presenta due nuove misure per rafforzare la risposta dell'Europa alle ciberperturbazioni.

La Commissione europea ha presentato il 30 settembre 2010 due nuove misure volte a garantire che l'Europa possa difendersi dalla criminalità informatica:

  1. una proposta di direttiva per affrontare i nuovi reati informatici, come gli attacchi informatici su larga scala;
  2. una proposta di regolamento per rafforzare e modernizzare l'Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA).

Le due iniziative sono previste dall'Agenda digitale europea e dal programma di Stoccolma per rafforzare la fiducia e la sicurezza della rete. La direttiva proposta prevede che gli autori di attacchi informatici e i produttori di software maligni possano essere perseguiti e possano essere oggetto di sanzioni penali più pesanti. Prevede inoltre che gli Stati membri siano tenuti a rispondere rapidamente alle richieste urgenti di aiuto in caso di attacchi informatici, rendendo più efficace la cooperazione giudiziaria e di polizia a livello europeo in questo settore. Rafforzare e modernizzare l'ENISA aiuterebbe inoltre l'UE, gli Stati membri e i privati a sviluppare le loro capacità e la loro preparazione a prevenire, individuare e fronteggiare le sfide lanciate alla sicurezza informatica. Entrambe le proposte saranno sottoposte per adozione al Parlamento europeo e al Consiglio dei ministri dell'UE.

Per approfondimenti: Europa - Rapid